Il trekking dei laghi molisani

Prossima partenza: 29 maggio 2021

Il cammino “Il trekking dei laghi molisani” è caratterizzato dagli ambienti lacustri di Occhito e di Guardialfiera, dalle tante colline destinate all’agricoltura, dall’architettura di alcuni piccoli borghi, da cenobi in aperta campagna, dall’ottima tradizione culinaria molisana, oltre che dall’unicità della comunità croato-molisana. Inoltre, permette di essere introdotti al fenomeno della transumanza, facendo la conoscenza con ben tre Regi Tratturi: dal Castel di Sangro-Lucera all’Ateleta-Biferno, passando per il Celano-Foggia.

Durata: 4 giorni di cammino, 5 notti, 6 giorni comprensivi dei trasporti a/r.
Destinazione: da Gambatesa ad Acquaviva Collecroce.

Tipologia: percorso di collina.
Peculiarità: itinerante, storico-culturale, naturale, esperienziale ed enogastronomico.

Pernottamento: casa vacanze, bed and breakfast e agriturismo.
Dove mangiare: ristorante, agriturismi e trattoria.
Grandezza del gruppo: 8-12 persone.

Difficoltà: Facile
Presenza di poche buone salite e discese e di tantissimi tratti facili. I dislivelli totali giornalieri, anche se superano spesso i 500 metri – sia in salita, sia in discesa – sono spalmati su molti chilometri e non presentano forti pendenze. Il trekking è accessibile a tutti, anche se occorre essere allenati alla camminata in collina (continui saliscendi). I sentieri e/o la rete tratturale non sono percorsi tecnici e non presentano particolari difficoltà. Il viaggio è a piedi ed è itinerante. Brevi sono gli spostamenti in auto. I pernottamenti sono comodi.

Lunghezza del viaggio: 82 km.
Dislivello totale in salita: +3130 metri.
Dislivello totale in discesa: -2845 metri.

Suggestive atmosfere nei centri storici medievali di Gambatesa, Macchia Valfortore, Ripabottoni, Guardialfiera, Acquaviva Collecroce e Termoli, con i loro esempi di bellezza artistica con palazzi, chiese, fontane, croci viarie, giardini e altro.

Lago Guardialfiera rudere campobasso

Programma

Giorno 1

Arrivo a Campobasso e incontro con la guida.
Trasferimento in minivan a Gambatesa e sistemazione nelle camere. Spiegazione del viaggio.
Cena in ristorante.
Pernotto in diverse case vacanza, in camere doppie con bagno condiviso.

Giorno 2

Dopo la colazione, inizio dell’escursione da Gambatesa a contrada La Foresta (Macchia Valfortore).
Pranzo al sacco.
Cena in agriturismo.
Pernotto in agriturismi, in camere doppie con bagno privato.

Si visita il castello di Capua e il centro storico di Gambatesa, per poi scendere nella valle del torrente Tappino e incontrare quel che resta del Regio Tratturo Castel di Sangro-Lucera. Superato il corso d’acqua, si cammina alla base della pineta di Macchia della Terra. Successivamente si sale su Colle della Putina e poi si scende fino al lago di Occhito. Arrivati nei pressi del grande bacino artificiale, si intraprende la lunga pista bianca che conduce fino alla struttura ricettiva. Lungo il percorso si gode dell’ombra di diversi boschi, si incontrano campi coltivati, oliveti e vigne e si ammirano i tanti balconi panoramici sul lago.

Caratteristiche tecniche della tappa
Durata: 5.5 ore (escluse le soste).
Lunghezza della tappa: 22 km.
Dislivello totale in salita: +730 metri.
Dislivello totale in discesa: -940 metri.
Livello di difficoltà: facile.

Giorno 3

Dopo la colazione, inizio dell’escursione da contrada La Foresta a Ripabottoni.
Pranzo al sacco.
Cena in trattoria.
Pernotto in due B&B, in camere doppie con bagno privato.

Dall’agriturismo si continua a camminare lungo il lago di Occhito per poi risalire la valle del torrente Cigno e incontrare il Regio Tratturo Celano-Foggia. Lo si percorre fino a superare la collina di Monte Castello e deviare fin su Colle Guardiola, dal quale si ammirano le colline che digradano fino alla costa, il mare Adriatico, il massiccio appenninico del Matese e una gran fetta del Molise centrale e occidentale.

Caratteristiche tecniche della tappa
Durata: 6 ore (escluse le soste).
Lunghezza della tappa: 21 km.
Dislivello totale in salita: +1080 metri.
Dislivello totale in discesa: -620 metri.
Livello di difficoltà: medio-facile.

Giorno 4

Dopo la colazione, inizio dell’escursione da Ripabottoni a Guardialfiera.
Pranzo al bar.
Cena in agriturismo.
Pernotto in agriturismi, in camere doppie con bagno privato.

Dal paese di Ripabottoni si scende sul Regio Tratturo Celano-Foggia per poi salire verso il borgo di Morrone del Sannio. Giunti sul colle, si percorre una stradina interpoderale che passa accanto al bellissimo convento di San Nazario e all’altrettanto affascinante badia di Santa Maria in Casalpiano e che ripercorre quella che un tempo era la via di collegamento fra le città romane di Bovianum e Geronium. Abbandonato il complesso monastico, si continua a scendere fino all’alveo del fiume Biferno, per poi iniziare a costeggiare le prime sponde del lago di Guardialfiera.

Caratteristiche tecniche della tappa
Durata: 5 ore (escluse le soste).
Lunghezza della tappa: 20 km.
Dislivello totale in salita: +500 metri.
Dislivello totale in discesa: -725 metri.
Livello di difficoltà: facile.

Giorno 5

Dopo la colazione, inizio dell’escursione da Guardialfiera ad Acquaviva Collecroce.
Pranzo al sacco.
A fine escursione, trasferimento in minivan all’agriturismo per il riposo.
Cena in agriturismo.
Pernotto in agriturismo, in camere doppie con bagno privato.

Dall’agriturismo si percorre una buona fetta del lago di Guardialfiera, fin quasi ad arrivare alla diga, per poi inerpicarsi su una collina, fra campi coltivati, oliveti e masserie. Saliti su Colle Coppere si scende fino al vallone Scorciabove e si risale sul versante opposto della valle. Incrociato il Regio Tratturo Ateleta-Biferno, lo si percorre fino ad Acquaviva Collecroce, dove si fa la conoscenza della più grande comunità minoritaria storica dei croato-molisani.

Caratteristiche tecniche della tappa
Durata: 5 ore (escluse le soste).
Lunghezza della tappa: 19 km.
Dislivello totale in salita: +820 metri.
Dislivello totale in discesa: -560 metri.
Livello di difficoltà: medio-facile.

Giorno 6

Tempo di saluti e ripartenza per le proprie case.
Dopo la colazione, trasferimento in minivan dall’agriturismo a Termoli.

Visita del centro storico e trasferimento alla stazione dei treni o degli autobus della cittadina adriatica. Altrimenti, trasferimento in minivan a Campobasso per ripartenza dal capoluogo.

Prezzo 690 € a persona

Gruppi da 8 a 12 partecipanti.

Date in programma
Check-in Check-out Disponibilità
29/05/21 03/06/21 Disponibile
09/10/21 14/10/21 Disponibile
16/10/21 21/10/21 Disponibile
La quota comprende
  • organizzazione del viaggio;
  • guida ambientale escursionistica AIGAE;
  • colazioni e cene;
  • assicurazione e contratto di viaggio;
  • pernottamenti in camera doppia con bagno privato (ad eccezione del primo giorno – case vacanza con bagno condiviso);
  • trasporto bagagli nei sei (6) giorni di permanenza in Molise;
  • trasporto privato in minivan, lì dove necessario e secondo il programma.
La quota non comprende:
  • viaggio verso il Molise e ritorno;
  • pernottamento in camera singola;
  • pranzo al sacco (panino farcito, frutto e bottiglia d’acqua da mezzolitro);
  • le bevande e gli extra durante le cene;
  • trasporto privato in auto o in ulteriore minivan, lì dove necessario e secondo il programma, se il gruppo è superiore a otto (8) ospiti;
  • quanto non espressamente indicato.

Ultimi consigli e informazioni prima di partire…

Specifiche: Il presente programma può essere soggetto a variazioni, sia prima che in corso di viaggio, in base al clima, a cause di forza maggiore, alle esigenze dei viaggiatori e delle persone che ospitano il gruppo di viaggiatori.

Richiedi informazioni sul viaggio!




    Condividi!

    Condividi e trova nuovi compagni di viaggio!

    Altri viaggi

    Menu
    Indietro
    WhatsApp
    Messenger
    E-mail