Il trekking del Matese in inverno

Prossima partenza: 28 dicembre 2021

Il viaggio “Il trekking del Matese in inverno” dà la possibilità di vivere una vacanza dall’alto contenuto naturalistico, storico-culturale, architettonico ed enogastronomico. Ospitati in un casolare di campagna vicino Sepino, ci si sposta alternando ciaspolate e visite ad alcune delle maggiori realtà storico-artistiche-naturalistiche del massiccio matesino.

Durata: 4 giorni di cammino, 5 notti, 6 giorni comprensivi dei trasporti a/r.
Destinazione: Sepino, Monti del Matese e Campobasso.

Tipologia: montagna in ambiente innevato.
Peculiarità: storico-culturale, naturale, esperienziale ed enogastronomico.

Pernottamento: casolare di campagna.
Dove mangiare: casolare di campagna.
Grandezza del gruppo: 8 persone.

Difficoltà: Media
Presenza di poche salite impegnative. Molte discese e tratti in piano. I dislivelli totali in salita e in discesa si avvicinano o superano di poco i 600 metri, sia in discesa, sia in salita. I percorsi non presentano alcuna difficoltà tecnica (uso delle attrezzature per l’alpinismo). Le escursioni sono accessibile a tutti, anche se occorre essere allenati alla camminata in montagna e sulla neve (se presente). Le escursioni sono a piedi. Il viaggio ha una base fissa ed uguale per il pernotto. Brevi sono gli spostamenti in minivan. I pernottamenti sono comodi.

Lunghezza del viaggio: 52 km.
Dislivello totale in salita: +2110 metri.
Dislivello totale in discesa: -2180 metri.

Suggestive atmosfere nei centri storici medievali di Guardiaregia, Roccamandolfi e Campobasso, con i loro esempi di bellezza artistica con palazzi, chiese, fontane, croci viarie, giardini e altro.

trekking campitello matese campobasso molise

Programma

Giorno 1

Arrivo a Bojano e incontro con la guida.
Trasferimento in minivan a Sepino, in un casolare di campagna, trasformato in struttura ricettiva da una simpatica famiglia molisana, con la quale vivremo la nostra vacanza.
Sistemazione nelle camere e spiegazione del viaggio.
Cena in casolare di campagna.
Pernotto in casolare di campagna, in camere doppie con bagno privato.

Giorno 2

Dopo la colazione, trasferimento privato in minivan in località Sella del Perrone (comune di Guardiaregia).
A seguire, inizio dell’escursione.
Pranzo al sacco.
Trasferimento privato in minivan al luogo di riposo.
Cena in casolare di campagna.
Pernotto in casolare di campagna, in camera doppia con bagno privato.
Se sarà presente la neve, l’escursione sarà fatta con le racchette da neve.

Siamo al confine tra il Molise e la Campania. È un territorio selvaggio e solitario, ricco di lussureggianti faggete, con bellissimi balconi panoramici su alcune vette matesine e su un grande e affascinante lago carsico, il Lago del Matese. A dare risalto maggiore all’escursione sono la grande dolina del Pianellone e i profondi abissi di Pozzo della Neve (-1048 metri di profondità e oltre 8000 metri di sviluppo) e di Cul di Bove (-913 metri di profondità e 3900 metri di sviluppo), grandi grotte nate dall’azione erosiva dell’acqua e famosissime in ambito speleologico. Dopo l’escursione, breve visita del paese di Guardiaregia e della parte bassa della Riserva Naturale e oasi del WWF Guardiaregia-Campochiaro.

Caratteristiche tecniche della tappa
Durata: 7.5 ore (escluse le soste).
Lunghezza della tappa: 18 km.
Dislivello totale in salita: +670 metri.
Dislivello totale in discesa: -740 metri.
Livello di difficoltà: media.

Giorno 3

Dopo la colazione, trasferimento privato in minivan a Roccamandolfi e inizio dell’escursione.
Pranzo al sacco.
Trasferimento privato con minivan al casolare di campagna per il riposo.
Cena in casolare di campagna.
Pernotto in casolare di campagna, in camere doppie con bagno privato.
Se sarà presente la neve, l’escursione sarà fatta con le racchette da neve.

Escursione naturalistica, alla scoperta di un angolo solitario del Matese: il versante di Roccamandolfi. Partendo dal rifugio Guado la Melfa (o prima, se non si può raggiungere con il minivan), si risale la Valle Campitello, fra boschi di faggio, balconi panoramici e pianori carsici, fino ad arrivare a un interessante punto panoramico chiamato la Precia. Ammirato il paesaggio, si ridiscende comodamente al pianoro principale e si ritorna al punto di partenza. Finita l’escursione, si visitano i ruderi del castello di Roccamandolfi e il paese, caratterizzato da molte storie sul fenomeno storico del Brigantaggio.

Caratteristiche tecniche della tappa
Durata: 4 ore (escluse le soste).
Lunghezza della tappa: 9 km.
Dislivello totale in salita: +300 metri.
Dislivello totale in discesa: -300 metri.
Livello di difficoltà: facile.

Giorno 4

Dopo la colazione, trasferimento privato in minivan alla Basilica Minore dell’Addolorata di Castelpetroso e inizio dell’escursione.
Pranzo al sacco.
Trasferimento privato in minivan al luogo di riposo.
Cena in casolare di campagna.
Pernotto in casolare di campagna, in camera doppia con bagno privato.
Se sarà presente la neve, l’escursione sarà fatta con le racchette da neve.

Dall’affascinante Basilica Minore dell’Addolorata, struttura dall’avvenente profilo neogotico, si sale lungo la cosiddetta “Via Matris” al luogo delle apparizioni, avvenute nel 1888, della Madonna Addolorata e del Cristo Morto ad alcune pastorelle di un piccolissimo borgo molisano, Castelpetroso. Da qui si inizia a costeggiare Monte Patalecchia (1400 metri s.l.m.), per poi salire su la Difenzola (1398 metri s.l.m.), fra ampi panorami sul Matese stesso, sulle Mainarde, la Montagnola Molisana e le montagne dell’Abruzzo meridionale. Ridiscesi da la Difenzola, si torna alla cappella delle apparizioni tramite una comoda carrareccia forestale. Poi, si scende giù fino al luogo di culto.

Caratteristiche tecniche della tappa
Durata: 4.5 ore (escluse le soste).
Lunghezza della tappa: 15 km.
Dislivello totale in salita: +590 metri.
Dislivello totale in discesa: -590 metri.
Livello di difficoltà: media.

Giorno 5

Dopo la colazione, trasferimento privato in minivan in località Altilia (Sepino).
Inizio dell’escursione attraverso la ricca storia di un piccolo comune del Molise: Sepino.
Visitiamo le aree archeologiche di San Pietro di Cantoni, del Conventino, di Saipins e di Saepinum.
Pranzo al sacco.
Trasferimento privato in minivan al luogo di riposo.
Cena in casolare di campagna.
Pernotto in casolare di campagna, in camere doppie con bagno privato.
Se sarà presente la neve, l’escursione sarà fatta con le racchette da neve.

Accolti dai primi dolci rilievi del massiccio matesino, si cammina nei meandri della ricchissima storia di un piccolo comune del Molise: Sepino. Partendo dal Regio Tratturo “Pescasseroli-Candela”, antichissima via di spostamento per la transumanza nel Regno di Napoli, si sale sui primi colli. Si visita prima il tempio sannita e poi area di culto cristiana di San Pietro di Cantoni e, successivamente, i resti del Conventino di Santa Maria degli Angeli, piccolo cenobio francescano ottocentesco. Continuando a salire si arriva al villaggio sannita di Saipins, in località Terravecchia, a 953 metri s.l.m., dove si visitano i resti della città preromana (IV sec. a.C.), con doppia cinta difensiva fatta di grandi massi e tre piccole porte: la postierla del Matese, la porta dell’Acropoli e quella del Tratturo. Scendendo di nuovo in piano, si raggiunge la magnificente città romana di Saepinum (fondazione del II secolo. a.C. e massimo splendore in età augustea, a cavallo fra il I sec. a.C. e il I sec. d.C.). Vero gioiello archeologico, la città romana ha il classico assetto urbanistico con decumano (ancora lastricato) e cardo, l’intera cinta muraria a delimitarne i confini, quattro porte monumentali, il teatro, le terme, il foro, la basilica, il complesso campus-piscina-porticus, il macellum, due quartieri di abitazioni e tanto altro ancora.

Caratteristiche tecniche della tappa
Durata: 4 ore (escluse le soste).
Lunghezza della tappa: 10 km.
Dislivello totale in salita: +550 metri.
Dislivello totale in discesa: -550 metri.
Livello di difficoltà: facile.

Giorno 6

Tempo di saluti e ripartenza per le proprie case.
Dopo la colazione, trasferimento in minivan dal casolare di campagna a Campobasso.
Visita del centro storico e trasferimento alla stazione dei treni o degli autobus del capoluogo molisano.

Prezzo 810 € a persona

In un gruppo di 8 partecipanti.

Date in programma
Check-in Check-out Disponibilità
28/12/21 02/01/22 Disponibile (Capodanno)
03/01/22 08/01/22 Disponibile (Epifania)
La quota comprende
  • organizzazione del viaggio;
  • guida ambientale escursionistica AIGAE;
  • colazioni, pranzi al sacco (panino, frutto e bottiglia d’acqua da mezzolitro) e cene;
  • assicurazione e contratto di viaggio;
  • pernottamenti in camera doppia con bagno privato;
  • noleggio racchette da neve e bastoncini da trekking;
  • trasporto privato in minivan, lì dove necessario e secondo il programma.
La quota non comprende:
  • viaggio verso il Molise e ritorno;
  • pernotto in camera singola;
  • le bevande e gli extra durante le cene;
  • quanto non espressamente indicato.

Ultimi consigli e informazioni prima di partire…

Specifiche: Il presente programma può essere soggetto a variazioni, sia prima che in corso di viaggio, in base al clima, a cause di forza maggiore, alle esigenze dei viaggiatori e delle persone che ospitano il gruppo di viaggiatori.

Richiedi informazioni sul viaggio!




    Condividi!

    Condividi e trova nuovi compagni di viaggio!

    Altri viaggi

    Menu